Io sono un scafista,
si io , sono uno scafista!
e sì , non lo do a vedere,
ma sono uno scafista.

io le prendo quelle persone
sulle spiagge,
e si io, non ci sembro, IO!

ma si, insomma, cosa m’interessa
del perché e da dove vengano,
io ho la mia famiglia da protegger, IO.
devo pensare alla mia sicurezza, la MIA!

la vita costa, niente è gratis!

si, capisco, ma tanto qualcun altro li salva!
si, mi hanno detto delle guerre della povertà,
ma io sono scafista, IO, la sera chiudo la porta
e devo sfamare la mia famiglia, IO!

si, lo so, rischi del mestiere, qualche collega
non ce la fa, è la legge del mare o forse no,
ma, IO sono scafista, ma penso lo sei anche un po’ TU.

Siamo tutti un po’ scafisti amico mio, io , tu e
chiunque porta questi fratelli sulle spiagge.

Oggi muoiono in mare, ma li abbiamo uccisi già
con bombe, con la fame, con la seta,
e si, oggi NOI siamo scafisti!

ieri li ammazzavo,
ma ero indifferente
o forse sordo,
o forse egoista,
o forse cieco,

ma oggi si,

IO SONO UNO SCAFISTA!

(cit. ANONIMO)