Cari amici,
era un po’ che non mi facevo sentire ma gli ultimi mesi sono stati una gran frenesia e anche notevoli cambiamenti! A Maggio ho lasciato il Pakistan e dopo qualche mese in Europa mi ritrovo nella parte di Corea Settentrionale!
Spero che avete o state trascorrendo una bella vacanza ,io sto avendo il piacere di vedere un paese davvero poco conosciuto o esplorato, un paese davvero unico e caratteristico dove il verde prevale e l’assenza del “capitalismo” ti da una prospettiva unica e a volte anche positivamente inaspettata!
Passo molto del mio tempo negli ospedali con cui abbiamo collaborazioni e ancora una volta mi ritrovo a braccetto con gli ultimi! Per motivi che capirete non posso descrivere quello che i miei occhi vedono e soprattutto quello che il cuore prova, ma so che siete con me e che i miei pensieri tornano ai nostri momenti insieme.
Ancora una volta cammino nella terra lontana e in una terra che non è casa e sentire la mancanza di quella tenerezza che c’è nei nostri abbracci e nel nostro volersi bene. Spero un giorno questo mondo trovi pace e serenità e soprattutto che ci sia per tutti.
Spero presto potervi riscrivere e raccontarvi di tante storielle e aneddoti che stanno dando pane a questo mio primo mese di questa parte di Korea!
Vi saluto con grande affetto

“sole che nasci, sole che scendi.
La sabbia e i miei piedi,
un passo e le mie impronte.
Strada nuova o sentiero?
Il mare cancella gli errori ma anche il passato e
passaggio, l’acqua salata , sapore di vita.
Sveglio alla luce, inginocchiato alla bellezza.
Sole nasci ancora, sole porta calore,
sole amico fedele.
L’onda s’infrange, l’onda s’immola
e della mia lacrima non c’è più memoria,
solo un cuore che batte, rimbomba felice,
perché sono vivo, esposto all’amore”